A Treviso arriva una mostra che omaggerà le figure esemplari di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i magistrati uccisi dalla mafia nel 1992 per il loro impegno nella lotta contro la mafia e la corruzione.

Da domani al 31 marzo nel Palazzo dei Trecento a Treviso sarà possibile visitare la mostra “L’eredità di Falcone e Borsellino”. Si tratta di un’esposizione organizzata dall’Ansa di concerto con il Comune di Treviso e con il patrocinio della Regione Veneto. A disposizione del pubblico, grazie al contributo di Ansa stessa e dei familiari dei magistrati, una grande quantità di materiale fotografico. L’intento della manifestazione è il racconto della vita e del lavoro di Falcone e Borsellino, oltre che del difficile periodo storico attraversato dal nostro Paese fino alle stragi di mafia dei primi anni ’90.

Ti potrebbe interessare anche: Strage di via D’Amelio, Fava: “A sottrarre l’agenda rossa non è stata la mafia”

“Siamo felici di essere riusciti a portare a Treviso la grande mostra dedicata ai giudici Falcone e Borsellino – ha dichiarato l’assessore al Sociale e alla Famiglia della Città di Treviso, Gloria Tessarolo – La loro eredità potrà così passare al pubblico e soprattutto ai giovani, che potranno conoscere l’impegno umano e civile di questi due grandi uomini. La mostra sarà aperta alle scolaresche nei giorni di lunedì, martedì e mercoledì – ha aggiunto Tessarolo – Siamo convinti che tutti i visitatori ne usciranno arricchiti”.

Treviso
La celebre foto che ritrae Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

L’iniziativa rientra nel più vasto progetto dei “Percorsi della Legalità” organizzato dal Comune di Treviso. Inoltre, mercoledì 13 marzo nella Sala Verde di Palazzo Rinaldi si terrà la presentazione del libro di Francesco Trotta “Confiscateli”. Sabato 30 marzo, invece, ancora nella Sala Verde di Palazzo Rinaldi, sarà presentato il libro di Filippo e Franco La Torre “Ecco chi sei. Pio La Torre, nostro padre”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here