Se non si può parlare di glasnost, poco ci manca. Perché Netflix sembra dare i primi segni di rinuncia a una delle sue caratteristiche più celebri e controverse: la segretezza sui dati di ascolto dei suoi ormai numerosissimi show.

Variety rivela infatti che Netflix sta per sperimentare una funzione della sua piattaforma. Si chiamerà semplicemente “Top Ten” e mostrerà i primi dieci contenuti più popolari di varie categorie, ordinati sulla base dei dati di share. Sarà testato nel Regno unito a partire da questo trimestre, come rivelato dai dirigenti dell’azienda in una lettera indirizzata ai propri azionisti.

Ti potrebbe interessare anche: “Mama K’s Team 4”, Netflix ordina la sua prima serie animata africana

Il test, viene spiegato nella suddetta lettera, farebbe parte dello sforzo per diventare più trasparenti nei confronti del pubblico e soprattutto in quelli dei produttori. “Per coloro che vogliono vedere ciò che gli altri stanno guardando, questo potrebbe rendere ancora più facile la scelta dei titoli”, hanno spiegato nella lettera. “Fra qualche mese decideremo se terminare o espandere il test”. Intanto sono rivelati altri dati sull’andamento della piattaforma. Durante il trimestre, la società ha aggiunto 9,6 milioni di nuovi abbonati, ma gli investitori hanno abbassato il prezzo delle azioni della società a causa di cifre del Q2 più deboli del previsto, probabilmente a causa dell’annuncio di Disney+.

Il rilascio di tali informazioni “confidenziali” va in netto contrasto con la politica di “chiusura” esercitata dalla compagnia fino a poco tempo fa, la stessa che è stata così aspramente criticata da alcuni membri dell’Academy: fino a poco tempo fa, i dirigenti Netflix sostenevano regolarmente di non aver bisogno di condividere alcun dato relativo agli ascolti delle proprie produzioni, ma adesso Ted Sarandos ha detto che si va verso un sostanziale cambiamento. “Nei prossimi mesi, pubblicheremo rapporti più specifici e granulari – spiega il ceo di Netflix -. Prima ai nostri produttori, quindi ai nostri abbonati, così da essere completamente trasparenti su ciò che le persone guardano su Netflix in tutto il mondo”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here