Bambini usati per nascondere cocaina o per consegnarla ai clienti. Dodici arresti nel napoletano.

I carabinieri di Torre Annunziata, a Napoli, hanno arrestato 12 persone coinvolte a vario titolo in attività di traffico e spaccio di stupefacenti, in particolare di cocaina. Il provvedimento segue le indagini dirette dalla Procura di Napoli nate in seguito all’omicidio di Mariano Bottari perpetrato a Portici il 28 luglio 2014.

Le indagini per l’identificazione degli autori hanno condotto a Giovanni Gravino, indicato in una conversazione intercettata a carico di altro pregiudicato quale autore della tentata rapina poi sfociata nell’omicidio di Bottari. L’avvio delle attività di intercettazione per l’identificazione dell’autore dell’omicidio, ha portato alla luce l’esistenza di una “piazza di spaccio” di cocaina attiva nel quartiere di Napoli Ponticelli, promossa, organizzata e diretta dallo stesso Gravino insieme alla sua convivente.

Potrebbe interessarti anche: Una “Città blindata” dalla mafia: in manette 16 affiliati al clan Tomasello-Mazzaglia-Toscano

Il centro organizzativo dei traffici è stato individuato nell’abitazione della coppia, a Ponticelli, luogo in cui gli stupefacenti venivano custoditi e confezionati in singole dosi. L’associazione si avvaleva della collaborazione di vari familiari della coppia. In tale contesto hanno inoltre mostrato di non avere remore a coinvolgere anche minori sotto i 14 anni nelle attività illecite.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here