L’arte muove il mondo, da sempre. Lo sanno anche i medici di Montreal, nel sud del Canada. Essi hanno dato il via a una nuova iniziativa chiamata “The art hive”. L’arte, la cultura e il benessere si incontrano in un connubio infallibile.

La terapia per il diabete, le malattie croniche, la depressione e per altri disturbi? Una bella visita gratuita al museo! Questo è il nuovo progetto messo in atto a Montreal che mira alla promozione del benessere e della cura attraverso l’arte.

La dottoressa Hélène Boyer chiarisce: “Ci sono sempre più prove scientifiche sull’arte come terapia. L’arte infatti aumenta il nostro livello di cortisolo e il nostro livello di serotonina. Noi secerniamo ormoni quando visitiamo un museo e questi ormoni sono responsabili del nostro benessere”.

Nathalie Bondil, direttore generale del Museo delle belle arti di Montreal sostiene: “Nel XXI secolo, la cultura sarà ciò che l’attività fisica è stata per la salute nel ventesimo secolo”.

Le prescizioni culturali potranno essere emesse dal medico anche come misura preventiva oltre che come terapia. Il medico potrà prescrivere, infatti, fino a 50 visite gratuite all’anno per paziente e personale sanitario. Ogni singola prescrizione consentirà l’ingresso per un massimo di due adulti e due bambini di età pari o inferiore a 17 anni.

Anche se può suonare strano a primo acchito, la cultura intesa come processo di guarigione con i conseguenti benefici che porta, è una metodologia già appoggiata da molti specialisti e ospedali.

La visita al museo potrebbe essere una valida alternativa a tutti quei pazienti ai quali non può essere prescritto l’esercizio fisico che in ogni caso ha gli stessi effetti e attiva gli stessi ormoni di una passeggiata culturale.

Le visite culturali si pensa erroneamente che possano avere effetti positivi solo su un target di pazienti: quelli che soffrono di sintomatologie correlate alla malattia mentale. Oggi sappiamo fortunatamente che non è cosi. La visita al museo è un’iniziativa positiva che crea benessere non solo ai pazienti con problemi legati alla sfera psicologica.

Seguici anche su facebook

arte

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here