Prosegue la “guerra” dell’Ucraina contro alcuni dei mostri sacri della canzone italiana. Dopo il bando ad Al Bano Carrisi, è la volta di Toto Cutugno.

Incredibile ma vero, Toto Cutugno potrebbe a breve ricevere lo stesso trattamento riservato dall’Ucraina al popolare cantante di Cellino S. Marco. Un gruppo di deputati ucraini avrebbe infatti chiesto al capo dei servizi di sicurezza nazionale (Sbu), Vasily Gritsak, di precludere l’ingresso nel Paese a Toto Cutugno. A rivelarlo all’Ansa è Viktor Romanyuk, uno dei parlamentari interessati nella proposta. È così confermata l’indiscrezione già apparsa ieri sulla testata online Economistua.com, che in un articolo ha pubblicato proprio il documento inviato dai deputati ucraini all’Sbu.

Ti potrebbe interessare anche: “È una minaccia alla sicurezza nazionale”: l’Ucraina bandisce Al Bano

Il motivo di questo possibile e incredibile provvedimento? La presunta posizione politica di Cutugno in favore della Russia. Nel documento si legge infatti che il cantante sarebbe nientemeno che “un agente di appoggio della guerra della Russia in Ucraina”. Non solo: Cutugno farebbe “parte dell’associazione Amici di Putin e ha sostenuto l’annessione della Crimea”. Queste notizie sarebbero confermate da “molte informazioni rinvenibili su Internet”. Toto Cutugno avrebbe un concerto in programma a Kiev il 23 marzo. Ma a questo punto è molto probabile che non si recherà proprio in Ucraina.

Lo scorso 11 marzo l’Ucraina ha già inserito il nome di Al Bano Carrisi nientemeno che nella black list degli individui considerati pericolosi per la sicurezza nazionale. L’elenco è stato compilato e aggiornato dal ministero della Cultura in base alle richieste del Consiglio di Sicurezza e Difesa nazionale del Paese, dei servizi di sicurezza ucraini e del Consiglio della Tv e Radio nazionali.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here