Dopo i terribili fatti di sangue avvenuti in Nuova Zelanda, oggi lo spettro del terrorismo torna ad aleggiare anche nel cuore dell’Europa. A esserne colpita è la città di Utrecht, in Olanda.

Alle 10.45 di stamani un uomo ha aperto il fuoco contro i passeggeri su un tram a Utrecht. Il fatto è avvenuto nelle vicinanze di piazza 24 Ottobre, zona periferica della città. Il bilancio ammonta a tre morti e diversi feriti, con l’omicida al momento ancora in fuga. La polizia di Utrecht su Twitter ha diffuso le immagini del sospettato, Gokmen Tanis, 37enne di origini turche. “Se lo vedete, non avvicinatevi a lui e chiamate il numero 0800-6070”, così recita il tweet. Gli inquirenti al momento non escludono tuttavia che gli assalitori siano stati più d’uno e soprattutto la matrice terroristica.

Ti potrebbe interessare anche: Nuova Zelanda sotto shock: attentati in due moschee, 49 morti

I media locali citano un testimone dell’accaduto, il quale riporta di aver diversi colpi di arma da fuoco e di aver visto una donna a terra. Quando alcune persone si sono avvicinate per soccorrerla, secondo il racconto del testimone, si sarebbero uditi altri colpi e i presunti soccorritori si sono subito allontanati dalla donna. Il quotidiano olandese Algemen Dagblad sostiene, sulla base di altre testimonianze, che ad aprire il fuoco siano stati più attentatori.

In attesa di ulteriori sviluppi, la polizia olandese alza al massimo il livello di allerta anti-terrorismo. Alle scuole è stato chiesto di tenere le porte chiuse, mentre incrementa la sicurezza negli aeroporti e in altri edifici sensibili. L’allerta si è spostata da Utrecht anche da altre città come Amsterdam e Rotterdam. È disposto peraltro un incremento della vigilanza nei pressi delle stazioni e delle moschee.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here