Libri piccoli, tanto da potersi aprire anche nel solo palmo di una mano. Altri di pochi centimetri, altri ancora grandi quanto un puntino.

Sono i bizzarri volumi esposti nella “Miniature Books”, mostra in corso a New York fino al 19 maggio 2019. Si tiene al Grolier Club, il club di bibliofili più antico degli Usa avendo da poco compiuto cent’anni. La mostra ospita la bellezza di 950 libri di argomento vario ma accomunati da una sola caratteristica: sono tutti molto più piccoli del normale.

Ti potrebbe interessare anche: Nobel per la Letteratura, l’Accademia conferma: doppia assegnazione nel 2019

La mostra “Miniature Books” nasce da un’idea di Patricia Pistner e dell’esperto olandese Jan Storm van Leeuwen, ex curatore delle legature rare alla Biblioteca Reale dell’Aja. Da oltre 30 anni Patricia Pistner colleziona minuscoli libri per riempire gli scaffali di una monumentale casa di bambole. Si tratta della Pistner House, replica in miniatura di una magione francese di metà Settecento. Attualmente si trova in prestito al museo d’arte di Naples (Usa). La mostra ha aperto in contemporanea all’organizzazione della Fiera del Libro Antiquario che si tiene presso Armory di Park Avenue, una delle più importanti fiere del libro in assoluto negli Usa e non solo.

libri
Uno degli “interni” della Pistner House

I pezzi della mostra sono della provenienza più diversa. Il più antico di tutti è una tavoletta cuneiforme risalente addirittura al 2300 a.C., il più recente è stato pubblicato solo nel 2018. Nel mezzo ci sono esempi della grande tradizione della legatoria italiana. Si segnalano un libro di preghiere commissionato a Gregorio Andreoli da Camillo Rospigliosi, fratello di Papa Clemente IX e la legatura d’oro di un libriccino di salmi di fine Cinquecento firmata da Nicolaus Misserinus con le composizioni di San Francesco che riceve le stimmate. Un’occasione imperdibile per gli amanti dei libri e soprattutto delle curiosità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here