Il 2018 è stato un anno di grandi celebrazioni nel campo della letteratura per ragazzi.

Dopo il ventennale dalla pubblicazione di “Harry Potter e la pietra filosofale” (1998) e il trentennale di “Matilda” (1988), è la volta de “La storia infinita” (1979). Il romanzo di Michael Ende compie infatti quarant’anni e non smette di catturare la fantasia di lettori più e meno giovani. Merito anche della fortunatissima trasposizione cinematografica (1984) diretta da Wolfgang Petersen. Così il primo editore italiano del libro, Longanesi, provvede a ricordare l’evento con un’edizione speciale (coll. La Gaja Scienza, 448 pp.).

Un classico nato già grande

Protagonista de “La storia infinita” è Bastiano, bambino timido e spesso alle prese con la prepotenza dei grandi. Un giorno, casualmente, si rifugia in una libreria e apre un vecchio volume. Finirà catapultato nel meraviglioso regno di Fantàsia, diventando protagonista di un’avventura per la salvezza di un mondo non suo. Al contesto fiabesco, ricco di riferimenti alle mitologie europee, si associava così lo schema del romanzo di formazione. Un meccanismo che ispirerà autori di successo come J. K. Rowling e Christopher Paolini. Al tempo della pubblicazione del libro, Michael Ende subì tuttavia molte critiche. Il ricorso al fantastico era considerato incompatibile con la poetica predominante nella Germania di quegli anni, imperniata sul realismo.

storia
Ed. Longanesi 2018
Una storia più malinconica che infinita

Ad Ende, tuttavia, non dispiaceva andare controcorrente. Nato nel 1929, giovanissimo era già contrario al regime nazista. Fu arruolato durante la guerra ma fuggì subito, per aderire a un gruppo di resistenza. Il ricordo di quegli anni terribili è vivo anche ne “La storia infinita”: il nome di Bastiano ricorda quello di un suo amico d’infanzia, morto prematuramente. Non fatichiamo a credere come il libro possa apparire controcorrente anche per i nuovi lettori di oggi, al tempo della fantasia da Cgi che facilita – sin troppo – le emozioni.

Vuoi leggere altre notizie di Libri? Clicca qui o visita la nostra pagina Facebook

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here