Oltre 30 concerti e spettacoli, dal 24 giugno all’1 agosto: la Casa del Jazz di Roma si prepara per una nuova stagione all’insegna della musica e dell’incontro fra gli appassionati, con un calendario decisamente ricco.

Il “Summertime 2019”, serie di eventi prodotta dalla Fondazione Musica per Roma, promossa da Roma Capitale e inserita nel programma dell’Estate romana, si aprirà con il Quinteto Astor Piazzolla, la formazione nata per diffondere l’eredità del musicista argentino. Poi sarà la volta di Gary Clark jr (25 giugno), artista paragonato a mostri sacri come Jimi Hendrix ed Eric Clapton. Si proseguirà con la Roma Sinfonietta che eseguirà Trouble in Tahiti (26 giugno), opera nata nel 2018 in occasione del centenario della nascita di Leonard Bernstein. La seconda serata del 4 luglio sarà invece dedicata ad omaggi al grande George Gershwin.

Ti potrebbe interessare anche: Tiziano Ferro, svelate le date del tour 2020 negli stadi

Jazz, blues, soul, tango, swing, funky e acid jazz si intrecceranno nelle serate d’estate nel parco della villa, immersa nel verde a due passi dalle mura antiche che abbracciano la città. Protagonisti, tra i tanti, anche Gegè Telesforo con il suo gruppo (29 giugno), Enrico Pieranunzi special guest della New Talents Jazz Orchestra (6 luglio), un progetto che diventerà anche un disco della Parco della Musica Records, Steve Gadd Band (15 luglio), batterista che ha lavorato con Aretha Franklin e Frank Sinatra, Paolo Fresu con Daniele di Bonaventura e Jacques Morelenbaum che getta un ponte tra Mediterraneo e Brasile (25 luglio).

E poi: Sergio Cammariere presenterà il suo ultimo album “La fine di tutti i guai” (26 luglio), Javier Girotto & Aires Tango festeggiano 25 anni di musica senza confini (30 luglio). Il 31 luglio duo fuori dal comune, con Fabrizio Bosso alla tromba e Julian Mazzariello al pianoforte. Ad arricchire l’offerta alla Casa del Jazz, anche la 29/a edizione de “I Concerti nel parco”, al via dal 5 luglio, che quest’anno ha trovato il fil rouge in un verso di una canzone di Fabrizio De André (“Se ti tagliassero a pezzetti”): “Signora libertà, signorina fantasia”, per una manifestazione sempre alla ricerca di nuovi stimoli.

Il via lo darà una prima assoluta: “Il Piccolo Principe” liberamente interpretato da Filippo Timi e Lucia Mascino. I “Concerti nel parco” vedono il ritorno in Italia di Sarah Jane Morris (11 luglio) e di Ute Lemper (24 luglio). In programma anche spettacoli di Neri Marcorè (14 luglio). L’1 agosto l’Orchestra di Piazza Vittorio chiuderà presentando in prima nazionale il nuovo spettacolo “Opv all’Opera”.

“La Casa del Jazz – ha detto l’assessore alla Crescita culturale di Roma, Luca Bergamo – è uno degli esempi di vitalità dell’offerta culturale a Roma, fondamentale per ricostruire i rapporti umani in una società frammentata”. “Una città ricettiva, che ha una ricchezza trasversale“, ha aggiunto il presidente della Fondazione Musica per Roma Aurelio Regina, cui ha fatto eco l’ad José Dosal: “Da parte nostra tutto l’impegno per rendere questo luogo sempre più aperto”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here