Tempi grami per i cantanti italiani in tour. Dopo le polemiche sul concerto di Jovanotti in montagna, è la volta di Levante. La quale tuttavia dovrà affrontare la critica di un pulpito forse troppo importante.

La Curia di Lecce ha deciso infatti di negare alla cantautrice siciliana la disponibilità di piazza Duomo per il concerto in programma il 6 agosto. Non sarebbero piaciuti i testi “troppo irriverenti” di Levante, con particolare riferimento alla canzone “Gesù Cristo sono io”, dell’album “Nel caos di stanze stupefacenti” del 2017. La stessa piazza resterà comunque a disposizione come tappa per i tour di Fiorella Mannoia e Il Volo, sempre in vista della prossima estate.

Ti potrebbe interessare anche: Concerto in montagna, scoppia la polemica tra Jovanotti e Messner

A spiegare la decisione è il portavoce dell’arcivescovo Michele Seccia, Vincenzo Paticchio: “Abbiamo scoperto che la tappa leccese in piazza Duomo del tour – dice – era già stata pubblicizzata per il 6 agosto sul sito dell’artista e su quello di Ticketone“. Lo stop alla cantautrice sarebbe stato deciso “solo lo scorso primo aprile, quando la commissione si è riunita decidendo di non accogliere la richiesta”. Paticchio spiega che “il vescovo vuole aprire piazza Duomo agli eventi”, ma a condizione che i contenuti delle manifestazioni ospitate “siano in sintonia con i valori del luogo”. “È vero, i giovani vanno incoraggiati – conclude Paticchio -, ma certi testi sono troppo irriverenti per essere cantati nella piazza simbolo della Chiesa di Lecce”.

Levante non si è ancora espressa direttamente sulla questione, ma non avrebbe intenzione di rinunciare alla tappa di Lecce. Sarebbe quindi alla ricerca di una nuova location “in linea con la scelta di una tournée – spiega la produzione – all’interno di location storiche e suggestive di tutta Italia”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here