Anche l’Italia risponde all’appello della neo-candidata al Nobel Greta Thunberg. E lo fa in massa, partecipando Strike4Climate, manifestazione in sostegno della salvaguardia dell’ambiente organizzata oggi in tutto il mondo.

Studenti di 150 Paesi dislocati in tutto il mondo oggi (15 marzo) sono scesi in piazza per sostenere la battaglia in difesa del clima combattuta dalla 16enne attivista svedese. Greta Thunberg ieri ha rilanciato ulteriormente l’importanza dell’evento in un contributo su Faz online: “Non vogliamo le vostre speranze, vogliamo che vi uniate a noi – spiega Greta rivolgendosi agli adulti – Questo sciopero viene fatto oggi perché i politici ci hanno abbandonato. Conoscono la verità sul cambiamento climatico e ciononostante hanno ceduto il nostro futuro agli approfittatori, il cui desiderio di denaro veloce minaccia la nostra esistenza”. Così ha avuto inizio la manifestazione Strike4Climate.

Ti potrebbe interessare anche: Nobel per la pace, candidata Greta: è la baby attivista per l’ambiente

A sostenere l’iniziativa è anche Sergio Mattarella: “Tanti giovani ricordano a tutti e chiedono a tutti e soprattutto alle istituzioni, di agire per difendere il clima e l’ambiente sulla terra”, così in un intervento all’Università Politecnica delle Marche. Il presidente della Repubblica ha quindi parlato anche dello sciopero globale per il clima che oggi ha portato nelle piazze tante persone, in particolare i giovani, per sollecitare misure di contrasto ai cambiamenti climatici e per la salvaguardia ambientale.

Sono 182 le piazze italiane che hanno visto i giovani impegnarsi in uno sciopero per il clima. Le manifestazioni sono state prive di simboli di partito, come voluto dagli organizzatori. Sono stati ammessi solo striscioni e cartelli sul tema dei cambiamenti climatici. A Roma sono partiti mini-cortei da scuole medie inferiori e licei e istituti, mentre dagli atenei i manifestanti si sono mossi in bicicletta. Un corteo è partito dalla fermata metro Colosseo alle 10.30 per arrivare nella vicina piazza Madonna di Loreto, a pochi passi da piazza Venezia, dove alle 11 inizieranno gli interventi sui gradini. A Milano i giovanissimi attivisti hanno attraversato la città con una marcia partita alle 9,30 da largo Cairoli e arrivata a piazza della Scala, davanti alla sede del Comune. Alle 18 un’altra manifestazione, a cui hanno aderito associazioni ambientaliste come Greenpeace, è partita sempre da largo Cairoli per un corteo in difesa dell’ambiente. Anche il sindaco, Giuseppe Sala, ha partecipato a fianco degli studenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here