Fare sesso è piaciuto a entrambi. Col partner c’era un’ottima sintonia e avete avuto un orgasmo più che appagante. Ma appena finito, senza che nulla sia andato storto, vi prende un inspiegabile malumore, che può durare pochi minuti o anche ore. Siete tristi, o agitati, pronti a irritarvi per un nonnulla, o addirittura a scoppiare in lacrime: “ho voglia di stare solo”, “mi sento vuoto e scarico”, “nessuno mi tocchi”. Se vi è successo, non pensate di essere strani: non siete affatto i soli. Anche se siete uomini.

Si ritiene che l’attività sessuale consensuale sia associata a un’esperienza emotiva positiva, tuttavia la Disforia post coito (Pcd) è un fenomeno controintuitivo caratterizzato da sentimenti inspiegabili di pianto, tristezza o irritabilità a seguito di un’attività sessuale consensuale altrimenti soddisfacente. La prevalenza della Pcd è stata riportata tra le femmine, ma non tra i maschi. Il presente studio ha utilizzato un questionario online anonimo per esaminare la prevalenza e le correlazioni della Pcd in un campione internazionale di cui 1208 partecipanti di sesso maschile.

Disforia sessuale
Justin Timberlake e Mila Kunis in “Amici di Letto”

Potrebbe interessarti anche Postare selfie sui social aumenta il disturbo narcisistico di personalità

Il malumore dopo un rapporto soddisfacente, la cosiddetta disforia post coito, è sempre stato considerata roba da donne. Ma solo perché, nel sesso che si suppone forte, nessuna l’aveva mai indagata. Lo ha fatto Robert Schweitzer, della Queensland University of Technology in Australia. In precedenza Schweitzer aveva già mostrato come, in qualche centinaio di donne australiane, quasi metà l’avesse sperimentata almeno qualche volta, e il 2% molto spesso. Ora ha ripetuto l’indagine su oltre un migliaio di maschi dai 18 agli 80 anni, raggiunti online in un’ottantina di paesi. E mostra sul Journal of Sex and Marital Therapy che la loro situazione non è molto diversa.

Il 41% ha riportato di aver sperimentato la Pcd nel corso della propria vita e il 20% ha riportato nelle precedenti quattro settimane. Tra il 3 e il 4% del campione ha riferito di aver sperimentato regolarmente la Pcd. La disforia post coito è risultata essere associata all’attuale sofferenza psicologica, all’abuso sessuale nell’infanzia e a diverse disfunzioni sessuali. I risultati indicano che l’esperienza maschile della fase di risoluzione può essere molto più varia, complessa e sfumata di quanto si pensasse in precedenza e gettare le basi per le future ricerche che indagano sulla Pcd tra i maschi. I risultati hanno implicazioni per le impostazioni terapeutiche e il discorso generale sull’esperienza sessuale maschile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here