Se ne sospettava l’esistenza da anni, ma ora sarebbero arrivate le prime conferme scientifiche. Una ricerca olandese infatti getta luce sui neuroni specchio delle emozioni.

Si trovano nella corteccia cingolata del cervello e si attivano sia quando si prova dolore sia quando si osserva il dolore altrui. A indicarlo è lo studio pubblicato sulla rivista Current Biology dall’Istituto olandese per le neuroscienze. I neuroni specchio delle emozioni sono stati individuati nei ratti e potrebbero essere presenti anche nell’uomo, rivelandosi fondamentali per comprendere i meccanismi dell’empatia che si inceppano in diverse malattie psichiatriche. Si aggiungono così ai neuroni specchio dei movimenti, già scoperti 23 anni fa da un’equipe italiana, e a quelli che aiutano a prevedere le azioni altrui, individuati quattro anni fa.

Ti potrebbe interessare anche: L’Oms ha pubblicato il Rapporto sulla salute mentale: in Italia si spendono 75 euro pro capite

I ricercatori hanno registrato l’attività cerebrale di ratti cui venivano mostrati altri loro simili sottoposti a deboli scosse dolorose: hanno così scoperto che la reazione di paura che li portava a immobilizzarsi nasceva dall’attivazione degli stessi neuroni della corteccia cingolata che si accendono quando gli animali provano dolore sulla propria pelle. Inibendo l’attività di questi neuroni a specchio con un farmaco, i ratti spettatori non percepivano più il dolore altrui e non si immobilizzavano per la paura.

neuroni specchio
Christian Keysers

“La cosa più affascinante – sottolinea il coordinatore dello studio, Christian Keysers – è che tutto questo accade nella stessa regione del cervello sia nei ratti che negli umani. Abbiamo già dimostrato che l’attività della corteccia cingolata negli umani aumenta quando vediamo qualcuno che soffre, a meno che non parliamo di criminali psicopatici che mostrano un’evidente riduzione di questa attività”. Lo studio, dunque, potrebbe fare luce su questi disturbi mentali, ma non solo. “Ci dimostra anche che condividiamo i meccanismi fondamentali dell’empatia con animali come i ratti: l’empatia, la capacità di sentire le emozioni degli altri, è dunque profondamente radicata nella nostra evoluzione”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here