Domenica prenderà il via la prima edizione dell’Etnamusa Festival, che si svolgerà a Bronte (Ct) presso l’azienda agricola Musa in contrada Difesa-Musa. Tanti gli appuntamenti previsti ogni weekend, da giugno ad agosto, che faranno della cittadina un vero e proprio vulcano di idee, tra arte, cultura, cinema e musica.

Nella stessa giornata di domenica sarà reso noto ufficialmente il programma. Durante la kermesse saranno molteplici i laboratori, i workshop, gli spettacoli musicali e teatrali, le rassegne cinematografiche, le presentazioni di libri, gli incontri con scrittori e le escursioni. L’Etnamusa Festival è realizzato con il patrocinio dell’Assessorato allo Sport, Turismo e Spettacolo della Regione siciliana, del Comune di Bronte, del Comune di Maletto, dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, del Liceo Classico Statale “N. Spedalieri” di Catania e dell’Istituto superiore “Ven. Ignazio Capizzi” di Bronte.

Etnamusa

In questa prima giornata del Festival, alle ore 19, l’associazione culturale NèonTeatro proporrà il “Filottete” di Sofocle. Lo spettacolo sarà realizzato insieme ad alcune allieve del Liceo statale “N. Spedalieri” di Catania, seguite dalla prof.ssa Francesca De Santis, che ha curato anche la rielaborazione del testo, e magistralmente dirette da Monica Felloni, Manuela Partanni e Piero Ristagno, rispettivamente regista, coreografa e direttore artistico dell’associazione culturale Nèon. Alle ore 11 avrà luogo un laboratorio di lettura animata per bambini, “Una storia tante storie” realizzato dall’associazione “Ti regalo una storia“, seguito dall’incontro, alle ore 16.30, “Mi faccio una domanda mi do una risposta: L’Arte? Questione di Alchimia!”con la storica dell’arte Giuseppina Radice.

Ti potrebbe interessare anche: A Catania torna il “Danceday”: fitness e cultura insieme per un weekend speciale

Tra le anticipazioni degne di nota, vi è sicuramente la realizzazione di quattro Residenze d’artista “Sotto il vulcano”: a giugno avrà luogo la Residenza d’artista per giovani attori a cura di NèonTeatro; successivamente, sarà realizzata la Residenza di “Teatro di figura” a cura di Cartura, bottega d’arte catanese conosciuta in Italia e all’estero per la lavorazione della carta e la reinvenzione in chiave artistica di oggetti in disuso. A seguire, nel mese di luglio, la Musa accoglierà una Residenza per musicisti europei in collaborazione con Alkantara Fest ed infine sarà realizzata la Residenza “Tintoria tessile, arte e moda” per tintori tessili a cura dei docenti dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, Vittorio Ugo Vicari e Barbara Cammarata.

 

Il Festival è promosso dall’azienda agricola Musa e dall’associazione Areasud, impegnata da anni in un costante lavoro di ricerca artistica in ambito musicale e teatrale. Il Festival, inoltre, rientra tra le manifestazioni della rete di festival siciliani costruita da AreaSud, aderente a “Italia Festival”, l’associazione che riunisce i più importanti festival italiani in ambito musicale, teatrale e multidisciplinare.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here