Tra arte, cultura pop, tradizioni e tendenze moderne, il Japan Fest, festival della cultura giapponese, ha portato a Catania un weekend all’insegna dell’universo del Sol Levante.

Due giornate intense piene di appuntamenti, attività e ospiti di spicco, il 4 e il 5 maggio scorsi hanno condotto i catanesi in un entusiasmante viaggio nel mondo giapponese. Teatro del Japan Fest è stata la suggestiva cornice dell’istituto Ardizzone Gioeni, dall’inconfondibile architettura neogotica.

Tra gli ospiti di maggior rilievo della manifestazione c’è Yoshiko Watanabe (guarda il video), fumettista e illustratrice che ha dato vita, attraverso i suoi disegni, a noti anime giapponesi come “Kimba, il leone bianco“, “Astro Boy” e “La principessa Zaffiro“. Con i suoi meravigliosi schizzi realizzati sul momento ha regalato sorrisi ai più piccoli e fatto tornare un po’ bambini i più grandi affascinando con le sue bravura e maestria. Anima dell’evento sono stati però i numerosi ragazzi in cosplay, giovani mascherati da personaggi dei fumetti, film, videogiochi o fantasy che hanno partecipato a sfilate ed esibizioni.

La cultura del Sol levante è stata omaggiata con tante attività tradizionali come la cerimonia del tè, la vestizione del kimono e le arti marziali. Ma anche con la preparazione di piatti giapponesi tra cui il sushi, il bento e dolci tipici. Inoltre, per la prima volta, è stata allestita una suggestiva esposizione di bonsai, oltre che ceramiche dipinte e stampe giapponesi.

Ti potrebbe interessare anche: “Concetto al buio”, torna in scena a Catania la pièce che racconta la violenza sugli innocenti

E se il fumetto è certamente un’apprezzata manifestazione artistica, degno di nota è stato il laboratorio di origami, l’arte di piegare la carta tante volte e in modi diversi per creare delle figure più o meno complesse. Alla base dell’origami ci sono i principi shintoisti del ciclo vitale e dell’accettazione della morte come parte del tutto: la forma di carta simboleggia il tempio shintoista che viene ricostruito sempre uguale ogni vent’anni. Alla morte del supporto di carta la forma viene ricreata e in questo modo rinasce in un nuovo ciclo vitale.

Japan Fest
Giovani in cosplay

Il Japan Fest, ancora una volta, ha voluto promuovere un’antica cultura dalle radici millenarie puntando su unione, condivisione e aggregazione sociale all’insegna del divertimento.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here