Dopo il successo di pubblico e di critica dello scorso novembre, a grande richiesta torna in scena a Catania “La creatura del desiderio”, con la regia di Giuseppe Dipasquale.

L’opera sarà ripresentata al Must Musco Teatro in replica straordinaria il 28 febbraio 2019 alle ore 21. Al centro del racconto è la travolgente storia d’amore del pittore Oskar Kokoschka e Alma Mahler, giovanissima vedova del compositore Gustav. Una vicenda piena di viaggi, fughe, gelosie e turbamenti che finiranno col consumare entrambi i protagonisti.

A Catania "La creatura del desiderio": un amore viennese raccontato da Camilleri
Scena dalla pièce

A prestare le proprie fattezze ai protagonisti saranno David Coco e Valeria Contadino, affiancati nel cast da Leonardo Marino e Antonella Scornavacca. Scene e costumi saranno curati da Erminia Palmieri, musiche di Matteo Musumeci, movimenti scenici di Donatella Capraro.

Ti potrebbe interessare anche: “Notre Dame de Paris” tornerà a ottobre: prima tappa a Verona

A vestire i panni dei protagonisti, due volti noti al pubblico nazionale David Coco e Valeria Contadino. La regia è firmata dallo stesso Dipasquale. Completano il cast Leonardo Marino e Antonella Scornavacca. Su tutto c’è però anche la mano di Andrea Camilleri, che ha riscritto la vicenda nell’omonimo testo pubblicato da Skira. “Il tema”, dice il regista Giuseppe Dipasquale, “è molto attuale: l’ossessione d’amore per una donna-oggetto che si reifica in una bambola fino a portare alla pazzia il personaggio di Oskar Kokoschka, realmente vissuto come quello di Alma Mahler. Questa vicenda emblematica costituisce oggi nella misura del paradosso una delle più raffinate e crudeli violenze sulle donne”.

A Catania "La creatura del desiderio": un amore viennese raccontato da Camilleri
Il feticcio di Alma Mahler realizzato da Kokoschka

Lo spettacolo replicherà sabato 2 marzo a Siracusa nel riaperto Teatro comunale. La programmazione lunga sette mesi dedicata alla prosa del Must proseguirà il 12 marzo con “A tavola da Eduardo” – in scena con due grandi nomi del teatro italiano come Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini; il 13 e 14 aprile con “Carta Straccia”, con Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz; il 18 e 19 maggio con “Aggregazioni” scritto e diretto da Claudio Gregori. Concluderanno Mimmo Mignemi e Valeria Contadino sul palco con “Amleto in trattoria”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here