Vinci la Champions League del tuo continente, festeggi e realizzi un sogno, ma dopo pochi giorni devi restituire coppa e medaglie per rigiocare la finale. È l’incubo vissuto dai tunisini dell’Esperance e ancora uno smacco per il calcio africano.

La Confederazione africana di calcio (Caf) ha infatti deciso di annullare il verdetto della finale di ritorno della Champions League africana, che quindi andrà rigiocata. I neo-campioni dell’Esperance di Tunisi si sono laureati campioni lo scorso 31 maggio, vincendo in casa per 1-0 contro i marocchini del Wydad Casablanca. Risultato contestatissimo da questi ultimi, e forse a ragione: dopo il vantaggio dei padroni di casa con il gol di Youcef Belaïli, il Wydad aveva pareggiato grazie a Walid El Karti, ma l’arbitro gambiano Bakary Papa Gassama aveva annullato per fuorigioco. Il problema è che si è scoperto che il Var non funzionava, sicché il direttore di gara non ha potuto verificare la propria decisione. La compagine marocchina si è quindi rifiutata di proseguire la gara, lasciando quindi la vittoria agli avversari.

Ti potrebbe interessare anche: Parigi, arrestato il vicepresidente della FIFA per corruzione

Un enorme pasticcio, insomma, a cui ora la Caf proverà goffamente a porre rimedio. Deve ancora trovare una data per il replay della finale, se possibile entro il 21 giugno – quando partirà in Egitto la Coppa d’Africa 2019. Il rischio altrimenti sarebbe di una gara falcidiata dalle assenze dei giocatori convocati dalle Nazionali. Ma non solo, la Federazione deve anche stabilire una sede: in un comunicato ufficiale, si dice che la finale dovrà essere giocata “fuori dal territorio della Tunisia“.

La notizia ha ovviamente mandato su tutte le furie l’opinione pubblica in Tunisia, con il premier locale, Yussef Chahed, che parla di una “farsa“. Inoltre si sta profilando la possibilità di una durissima battaglia legale. Le regole ufficiali della Caf prevedono la sconfitta a tavolino in caso di ritiro dal campo, non la ripetizione di una partita in caso di guasto del Var. Il rischio di un caso come quello della Coppa Libertadores dello scorso anno, con Boca Juniors e River Plate finiti a giocarsi la finale a Madrid, è dietro l’angolo.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here