Dalla commozione alla vergogna. Si tinge di colori grotteschi la vicenda della morte di Emiliano Sala, giocatore argentino scomparso il 21 gennaio in un incidente aereo.

Il Nantes, precedente club in cui militava il giocatore, ha infatti denunciato il Cardiff City alla Fifa per il mancato rispetto degli impegni economici presi per il trasferimento. Emiliano Sala è morto proprio mentre sorvolava la Manica per raggiungere la sua nuova squadra. Il costo del cartellino era stato pattuito sui 17 milioni di euro ma il Cardiff non avrebbe ancora versato la prima rata di sei.

Ti potrebbe interessare anche: Ritrovato il corpo del calciatore scomparso: ora i club si contendono i soldi del cartellino

Il club gallese aveva ottenuto giusto mercoledì scorso una proroga di una settimana ma, una volta scaduto il termine, il Nantes ha deciso di adire alle vie legali presso la Federazione internazionale. Il Cardiff non ha mai negato di voler adempiere ai propri impegni contrattuali. Tuttavia vorrebbe attendere la conclusione delle indagini sull’incidente prima di pagare quanto concordato.

Sala
Emiliano Sala

Questa è solo l’ultimo capitolo di una vicenda che è stata al centro di numerose polemiche. Secondo la BBC, infatti, il Nantes (in cui Sala militava prima della cessione al Cardiff), ha contattato la squadra britannica per i 15 milioni di sterline pattuiti per la cessione del giocatore e il cui pagamento doveva essere diluito in tre anni. Si apre ora lo scenario di una battaglia legale, anche se il club gallese aveva già dichiarato di voler onorare gli accordi, ma non prima di aver fatto piena luce sull’accaduto.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here