A distanza di vent’anni dall’ultima volta, l’Italia conquista la medaglia d’oro nello slalom ai Mondiali juniores di sci. A compiere l’impresa è Alex Vinatzer nella gara a Val di Fassa.

Il 19enne originario di Bolzano, argento l’anno scorso a Davos, nella prima manche dello slalom ha saputo prendere un secondo di distacco sugli avversari. Nella ripresa ha continuato ad accelerare nonostante il vantaggio notevole. Alex Vinatzer conclude quindi la sua prestazione al primo posto con 1″38 sullo statunitense Benjamin Ritchie e 1″46 sul belga Sam Maes, arrivati rispettivamente secondo e terzo. In questa stagione Vinatzer ha conquistato già la medaglia più prestigiosa anche in Coppa Europa.

Ti potrebbe interessare anche: Olimpiadi 2024, la proposta: sì alla breakdance, fuori il karate

Nel post-gara Vinatzer non cela la sua felicità per l’esito: “Sono contentissimo. Sono soddisfatto della gara. Nella prima manche ho sentito benissimo il ritmo, sembrava tutto facile, nella seconda non sono riuscito come nella prima, ma era molto più difficile. Comunque vincere un Mondiale juniores è sempre una cosa bellissima, ora cercherò di andare avanti così nei prossimi anni e di far sempre bene. Non voglio mettermi pressione o crearmi aspettative, cerco semplicemente di allenarmi tanto e nella prossima stagione proverò ad arrivare nei primi dieci o magari cinque di Coppa del mondo. Voglio mettercela tutta per ottenere buoni risultati”.

Vinatzer
Alex Vinatzer

Un risultato del genere mancava all’Italia da vent’anni, quando nel 1999 Max Blardone vinse lo slalom di Pra Loup. Nel febbraio dello stesso anno nasceva proprio Alex Vinatzer. Questi è stato convocato per le Olimpiadi di Pyeongchang 2018, ha cominciato questa stagione vincendo a Levi in Coppa Europa ed è stato protagonista assoluto del bronzo ai mondiali di Aare nel team event di parallelo. Si conferma così come uno degli astri nascenti dello sci azzurro.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here