Mariasilvia Spolato, la prima donna d’Italia a dichiararsi pubblicamente lesbica, è morta all’età di 83 anni

Laureata in matematica con 110 e lode, Mariasilvia Spolato, era diventata un simbolo femminista quando, durante la manifestazione a Roma del 1972, era stata immortalata da un fotografo del settimanale Panorama mentre esibiva un cartello con scritto “liberazione omosessuale”.


Guarda il video che racconta la prima manifestazione omosessuale in Italia

Uno scatto, diventato il simbolo delle rivendicazioni del movimento femminista degli anni Settanta, che le causò il licenziamento dal posto di lavoro come docente di matematica perché definita “indegna”. Allontanata anche dalla famiglia, Mariasilvia Spolato, era diventata una senzatetto, spostandosi per anni in diverse città.

Si era poi stabilita a Bolzano, dove era stata accolta prima in un rifugio, poi dalla Caritas e infine nella casa di riposo Villa Armonia, dove è morta il 31 ottobre 2018, Ora i cittadini hanno organizzato una colletta per l’organizzazione dei suoi funerali.

Mariasilvia Spolato

Era stata autrice di un manuale di matematica sugli insiemi e libri sulla liberazione sessuale femminista. (Leggi altre incredibili storie)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here