Le Isole Eolie appartengono alla provincia di Messina e si trovano di fronte Milazzo troviamo l’arcipelago formato da sette isole principali: Lipari (la capitale), Alicudi, Filicudi, Panarea, Salina, Stromboli e Vulcano.

Hanno appena 13.000 abitanti che sono distribuiti nelle isole, che, nella loro origine, erano vulcani sottomarini che sono emersi in superficie due milioni di anni fa. Attualmente sono attivi solo i vulcani di Stromboli e Vulcano.

Le Isole Eolie sono l’immagine del riposo, delle acque trasparenti e dei bagni termali di fango che hanno reso popolari film come Stromboli di Roberto Rosellini, con Ingrid Bergman, o Vulcano, con Anna Magnani. Ciò ha permesso di promuovere il turismo delle isole, e ottenendo dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

Lípari

È l’isola più grande: il suo comune comprende tutte le isole tranne Salina. È obbligatorio visitare il Museo Archeologico, situato nel Castello di Lipari, che sorge in un’ampia baia sulla costa orientale, tra le due insenature di Marina Lunga e Marina Corta, che oggi sono ancora i migliori porti di attracco. L’Acropoli greca e la Cattedrale di origine normanna sono splendide. Si consiglia di fare una gita in barca per ammirare le splendide calette, come Fico e le spiagge di Vinci, Valle Muria, Punta della Castagna e Capo Rosso.

Isole Eolie, le 7 perle del Tirreno

Panarea

È l’isola più piccola e meno elevata (421 metri sul livello del mare nel punto più alto, il Timpone del Corvo), ma la più antica di tutte e quella che attrae la maggior parte dei turisti grazie alle sue coste pulite, il fenomeno delle eruzioni sottomarine e la movida notturna. Insieme agli isolotti di Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera (di cui ci sono pochi resti), le scogliere di Panarelli e Formiche formano un piccolo arcipelago. L’attività turistica si concentra nel quartiere di San Pietro, con le sue caratteristiche case, botteghe e negozi.

Isole Eolie, le 7 perle del Tirreno

Vulcano

Secondo la mitologia greca, su quest’isola si situavano le fucine di Efesto, dio del fuoco e fabbro che aveva per aiutanti i Ciclopi. Sull’isola è possibile osservare diversi fenomeni di origine vulcanica: fumo, getti di vapore e la presenza di fanghi sulfurei di apprezzate proprietà terapeutiche.

Isole Eolie, le 7 perle del Tirreno

Stromboli

Sede del vulcano più attivo d’Europa, le sue spettacolari e frequenti eruzioni (ogni 20 minuti circa) sono uniche, e chiamano migliaia di turisti ogni anno. Spettacolare è la Sciara del Fuoco, un ripido pendio, formato di lava, lapilli e scorie incandescenti, che dal cratere scende fino al mare. È inoltre possibile visitare il piccolo villaggio dove sono ormeggiate le barche, San Vincenzo, con le sue caratteristiche case bianche; l’isolata Ginostra situata sulla roccia e accessibile solo attraverso un sentiero delle briglie e la scogliera dello Strombolicchio, nato da una grande eruzione vulcanica coronata da un grande faro.

Isole Eolie, le 7 perle del Tirreno

Salina

La seconda isola per estensione e quella che ospita le vette più alte dell’arcipelago. A Salina c’è una bella foresta di felci che precipita su splendide spiagge come quella di Pollara. È inoltre d’obbligo visitare la casa in cui è stato girato “Il Postino” di Massimo Troisi.

Isole Eolie, le 7 perle del Tirreno

Alicudi e Filicudi

Sono le isole più occidentali dell’arcipelago, Alicudi e Filicudi sono dei vulcani inattivi, con incredibili paesaggi selvaggi e fondali marini. A Filicudi si può ammirare il faraglione La Canna (85 metri di altezza), e la spettacolare Grotta del Bue. La tranquilla e silenziosa Alicudi (è vietato guidare la macchina) è l’isola più vergine e incontaminata, e in essa si possono scoprire incredibili scenari mediterranei.

Isole Eolie, le 7 perle del Tirreno

Queste perle del Tirreno aspettano solo di essere scoperte, programmate il vostro viaggio nelle isole Eolie per questa estate, non vi deluderanno.

Manuel Carbone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here