Pochi giorni fa ha compiuto 50 anni la stazione sciistica forse più spettacolare al mondo, gioiello del Bauhaus che nel frattempo spegne le 100 candeline.

Si tratta di Flaine, situata a 1.600 metri nel territorio dei paesi di Magland e di Arâches nell’Alta Savoia. Dista un’ora e mezza di auto da Courmayeur e solo un quarto d’ora da Ginevra, ospita 150 abitanti ed è la meta ideale per chi ama unire la passione per la neve a quella per la cultura. Tutto merito della sua struttura concepita in pieno stile Bauhaus.

Flaine

È stata infatti costruita nel 1968 dal geofisico francese Éric Boissonnas e concepita come un complesso progetto di stazione “integrata”. La planimetria si basa su tre livelli sovrapposti l’uno sull’altro: “Flaine-Forêt” (1700 metri), “Flaine-Forum” (1600 metri) e “Flaine-Front de Neige” (1500 metri). Questi erano da collegarsi tramite ascensori esterni, bus gratuiti e strade pedonali. Un progetto avveniristico per cui si è reso necessario l’intervento dell’ungherese Marcel Breuer, maestro nientemeno che della scuola fondata da Walter Gropius nel 1919.

Ti potrebbe interessare anche: Belgio, a Binche il carnevale più misterioso d’Europa

Già autore di opere come il quartier generale dell’Unesco a Parigi e del Whitney Museum di New York, Breuer ha così lavorato sullo sfondo di un vero e proprio anfiteatro naturale. Ne è nata una struttura imponente, la quinta più grande di Francia nel suo genere, eppure anche ben conformata al paesaggio: gli edifici sono allineati per accompagnare le formazioni calcaree che circondano il resort. La sua particolarità ha garantito alla stazione di Flaine il titolo di “Patrimonio del XX secolo”.

Bauhaus

È stata ufficialmente inaugurata nel gennaio del 1969, sicché ha compiuto il mezzo secolo di vita. A significare ulteriormente il suo valore anche culturale, va detto che Flaine è anche l’unica stazione sciistica al mondo a ospitare in esposizione permanente opere d’arte del livello de “Le Boqueteau” di Jean Dubuffet, “La Tete de Femme” di Pablo Picasso e “Les Trois Hexagones” di Victor Vasarely. Un percorso che si può approfondire con un tour guidato gratuito da prenotare al Flaine Art Centre, dove pure si trovano una biblioteca, un’aula multimediale e una galleria che ospita artisti contemporanei.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here