Scegliere la meta delle prossime vacanze soprattutto in base a quanto verranno bene le foto su Instagram. Sembra assurdo ma a quanto pare sarebbe una pratica molto diffusa fra i turisti di oggi. E fra gli italiani in particolare.

Lo rivela l’indagine condotta da OnePoll per la società di viaggi eDreams su un campione di ottomila persone provenienti da Italia, Francia, Spagna, Regno Unito, Portogallo, Usa e Germania. Da questa risulta che proprio i nostri connazionali sarebbero i più attenti a scegliere per le proprie vacanze location belle da vedere su Instagram: il 58 per cento degli intervistati, con una media globale ferma al 44 per cento. Nello specifico, sarebbero gli uomini i più sensibili sul tema, attestandosi al 59 per cento contro il 56 delle donne. Rimanendo in testa anche nella percentuale di chi ritocca più spesso le foto. A livello regionale, si registra la maggiore attenzione del Sud (63 per cento degli utenti rispetto al 56 del Centro-Nord e al 58 delle isole). Il Nord-Est è invece la patria dei post molto ritoccati – 19 per cento dei casi di “ritocco”, la più alta percentuale nazionale.

Ti potrebbe interessare anche: Ecco Flaine, il resort fra le nevi nato dal genio del Bauhaus

Per quanto riguarda il contenuto delle foto pubblicate su Instagram, gli italiani risultano anche quelli più “innamorati” delle bellezze naturalistiche. Con una differenza sulla base del genere: le donne preferiscono pubblicare foto di paesaggi e animali, mentre gli uomini si concentrano sul cibo, gli hotel in cui soggiornano e talvolta i compagni di viaggio. I nostri connazionali sarebbero in assoluto anche i viaggiatori più sensibili ai consigli degli influencer. Ciò vale soprattutto per gli appartenenti alla fascia di età dai 35 ai 44 anni. Mentre, a gran sorpresa, i più giovani (dai 18 ai 24 anni) per il 24 per cento si affiderebbero alle guide turiste quasi al pari degli over 55 (22 per cento). Gli stessi giovanissimi dichiarano peraltro di essere i più onesti nel rappresentare la propria esperienza di viaggio: il 41 per cento sostiene di non aver ritoccato una foto postata su Instagram, mentre solo il 18 per cento ha ammesso di farlo spesso.

Instagram

Negli altri Paesi, i viaggiatori meno vincolati alla scelta di mete a prova di social sono gli inglesi, che scelgono in modo indipendente nel 63 per cento dei casi. A seguire i tedeschi (57 per cento) e dai portoghesi (48 per cento). Gli inglesi vincono inoltre il primato della “sincerità”, in quanto nel 72 per cento dei casi non amano ritoccare le proprie foto, e sono anche quelli meno influenzabili dagli influencer: il 15 per cento di loro dichiara di affidarsi al tradizionale passaparola nel determinare la destinazione di viaggio. Il podio della “vanità” invece e’ assegnato agli americani: sono loro a ritoccare piu’ frequentemente le proprie immagini (lo fanno nel 18% dei casi), seguiti da spagnoli (14%) e italiani (13%). Nonostante molti viaggiatori amino scegliere la destinazione delle proprie vacanze in base ai contenuti da postare sui social, spesso chi si ritrova sommerso dai post degli altri tende invece a pensare che questo sia solo un modo per mettersi in mostra. I meno tolleranti sono proprio gli italiani, seguiti da inglesi e spagnoli: queste nazionalita’ sono infastidite da questo comportamento in media nel 40% dei casi.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here